Cascina Spinola - Dalla nascita ad oggi

Correva l'anno 1956

Le origini

La famiglia Petrini arriva a Cascina Spinola quando Renato e il fratello Piergiorgio avevano 6 anni. I campi erano ancora lavorati con cavalli e buoi e le risaie mondate dal paziente lavoro delle mondine. Solo nel 1960 arrivarono i primi trattori e pian piano si sostituirono anche le mondine.

2012

Nasce l'Oasi

Nasce ufficialmente l’Oasi Cascina Spinola, grazie ad un progetto con la provincia di Vercelli dedicato alle “zone umide”.
Il battesimo dell’Oasi avviene trasformando il primo ettaro e mezzo di risaia, riportandola allo stadio originale della Pianura Padana, prima dell’avvento dell’agricoltura.
Il progetto con la provincia richiede un vincolo di 20 anni per la salvaguardia delle specie acquatiche come anfibi, libellule e uccelli acquatici.

2013

L'Oasi cresce

l’Oasi cresce, si aggiungono infatti altri due ettari e mezzo con l’aiuto del PSR regionale.


2015

L'Oasi attuale

l’Oasi prende le sembianze che vediamo ancora oggi.
Viene fatto l’ultimo ampliamento, creando una ulteriore area di 12 ettari, ma soprattutto senza alcun aiuto istituzionale.
Si aggiungono i primi due capanni di osservazione con un'attenta progettazione dell’area, grazie al quale è stato possibile ricreare le aree di nidificazione, rifugio e riposo per le differenti specie di uccelli.

2020

La rinascita

Il 2020 è l'anno della rinascita dell'Oasi Cascina Spinola. Vengono aggiornati i capanni e l'Oasi diventa indipendente da qualsiasi network.

In piena armonia con la natura…

Il 2008 è stato l’anno del passaggio di Cascina Spinola a fonti energetiche totalmente ecosostenibili.
Infatti tutto il fabbisogno energetico viene coperto dall’impianto fotovoltaico installato vicino alla cascina.